Le strade di Firenze – VIII

aprile 22, 2008

PIAZZA DELLE CURE (Corriere Fiorentino di domenica 20 aprile 2008)

Mi chiamo Eva, ho ventisei anni; vengo da Milano. Mi perdo sempre. E’ che sono proprio priva di senso dell’orientamento. Quando abitavo a Milano era un dramma. Se uscivo di casa potevano succedere due sole cose: o mi ritrovavo di fronte al mio liceo (l’unico percorso che in vita mia ero riuscita a memorizzare era diventato nella mia mente l’unico percorso possibile), oppure mi ritrovavo in posti assurdi come piazza Salgari o via Anacreonte; i punti di riferimento propri del tessuto urbano, su di me non avevano presa. A meno che un cantone, una chiesa, un palazzo non avesse una dignità artistica, un autore da tenere a mente, non lo avrei mai ricordato. Indicazioni quali “alla terza rotonda a destra,” “di fronte all’Esselunga”, “al secondo semaforo a sinistra,” per me non avevano alcun significato. A Milano, poi, i punti di riferimento artistici erano troppo sparsi: Il Duomo, Sant’Ambrogio, le Colonne di San Lorenzo non erano sufficienti. Mi aiutavano a volte i graffiti. Ce ne sono di belli, a Milano;


di una ventina avevo memorizzato autore e forma, e solo grazie ad essi riuscivo ad andare in facoltà, al lavoro, a fare acquisti.
Al secondo anno di università il mio problema si fece più acuto. Certo, avrei potuto iniziare a girare con una cartina, ma era comunque troppo.
Fu così che decisi di completare i miei studi a Firenze. Solo qui, dove il sublime è presente a ogni angolo, posso orientarmi serenamente. “Svolti alla Loggia dei Lanzi!” “Dopo Santo Spirito a sinistra!” “La seconda traversa dopo Orsammichele!” Queste sì che sono indicazioni.
Qualche giorno fa, però, dovetti spingermi fuori dalla cerchia dei Viali, addirittura oltre piazza Savonarola. Tremavo. Arrivai a destinazione prendendo come riferimento piazza Santissima Annunziata e continuando a diritto, ma al momento di andarmene fui perduta. Girai a casaccio per un po’, finchè non mi arenai in quella che seppi poi essere Piazza delle Cure. Una piazza come ce ne sarebbero almeno dieci, se Firenze fosse grande quanto Milano. Condomini, negozi. Una lingua di rotaie che la taglia in mezzo. Un’idea di mercato sotto a una tettoia di ferro; svincoli, traffico, cartelli. Ero nel panico.
Scesi le scalette del sottopassaggio, nella speranza di trovare un punto di riferimento al di là della ferrovia. Fu lì che accadde il miracolo. Là sotto, nel ventre di quella piazza così anonima, trovai pesci cibernetici, mastini tatuati, api mutanti, ragazze con le cuffie, orsetti psichedelici, koala fumatori, coniglietti postmoderni, e scritte, scritte, scritte. Non un solo angolo era privo di affreschi: una sistina contemporanea, inusuale in una città come Firenze, dove quando va bene il murale è una scritta che inneggia alla Fiorentina. In basso, sotto ogni opera, le firme degli autori. Presi un foglio e scrissi: Hyde, Ums, Elo, Spino, Irwin, ADR, Cruko, Puna, 5MOR, Kno, Roge, Jado,Ribes. Per tornare a casa dovetti prendere un taxi (“dove la porto?” “la prima via dopo Santa Maria del Carmine!”) ma da allora potei spingermi fino alle Cure, e anche un poco oltre.

About these ads

2 Risposte to “Le strade di Firenze – VIII”

  1. Boia de Says:

    Quando a fine mese, senza un becco di un quattrino, l’amministratore ti presenta il conto della facciata, e non hai i soldi per pagare la pappa del mimmo. La cappella Sistina moderna, a questi imbecilli, gliela ficcheresti su per il culo. Te lo garantisco.

    Ps.

    Facciamo una scommessa che sono tutti figli di papà?

  2. giovane Says:

    minkione sta parlando del sottopassaggio delle cure..posto legale per chi fa street art..!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 9.968 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: