Le strade di Firenze – XVI

giugno 16, 2008
PIAZZA SAVONAROLA (Corriere Fiorentino di domenica 15 giugno 2008)

Esistono strade, o piazze, che hanno per le rispettive città la medesima funzione che l’incarnato svolge nelle persone: pur non costituendo il tratto più importante, un’occhiata veloce è sufficiente per avere una diagnosi superficiale ma in genere piuttosto affidabile. A Firenze, questa funzione è svolta da piazza Savonarola, abbastanza lontana dal centro per essere fuori dall’itinerario, anche casuale, di qualunque turista, eppure abbastanza vicina da non essere in alcun modo periferia. Piazza Savonarola di giorno dorme. Al tempo della mia infanzia era uno dei luoghi principi per il trastullo dei bimbi, e frotte di nonne, mamme e fanciulli la popolavano, le nonne avvicendandosi sulle panchine, le mamme sgolandosi a chiamare i figli e mollando scapaccioni, i bambini cercando pervicacemente le zone d’aiuola dove sporcarsi venisse loro più facile. Oggi, fotografata in un sabato pomeriggio qualunque, piazza Savonarola presenta poche sparute


presenze: due senegalesi si distendono sul muretto-panchina per riposare da una giornata di vendite e di nascondino coi vigili del centro; tre badanti accompagnano altrettante anziane; una signora sulla sessantina si dedica alle parole crociate; un vecchio, i gomiti sulle ginocchia, fissa di fronte a sé il nulla. Così la piazza racconta come è cambiata, in venti o trent’anni, la popolazione cittadina.
Non so come fosse di sera, venti o trent’anni fa, dal momento che ero bambino: certo è che oggi, quando vedo la bolgia di adolescenti che scendono dai motorini o dalle auto, con scarpe dorate o argentate, bermuda o jeans con scritte stampate sulle chiappe, polo nere o rosa, capelli rasati o con le frange sugli occhi, capisco che per quanto giovane sono già in quella fase funesta in cui si guardano i ragazzi e si pensa: “ma come son vestiti questi?”
Non so cosa pensi il Savonarola, immortalato in posa ammonitrice nella statua imposta alla città dallo scultore Enrico Pazzi (già autore del Dante di piazza Santa Croce, pretendeva mettere quel Savonarola in piazza della Signoria), di un simile sfoggio di griffe e Nike silver e frangette e Mini Cooper e scooter: probabilmente vorrebbe poter scendere dal piedistallo per prenderli tutti a pedate nel sedere (e probabilmente ne buscherebbe pure, e finirebbe appeso al chioschetto, che i ragazzini della piazza son parecchi e paiono pure piuttosto aggressivi).
Basta fare un giro di giorno o di sera, e quale che sia la fauna che vi si incontra si capirà di essere non tanto nella Firenze della storia e del mito, quanto in una città piuttosto ricca ma un poco decadente, con molti anziani, molti immigrati e molti abiti costosi addosso ai ragazzi. Lo studio liberty di Rinaldo Carnielo, lì accanto, dà il polso del momento per quanto riguarda l’arte, quella che si fa, non quella che si ammira: il figlio lo aveva donato alla città chiedendo espressamente che il piano terra divenisse museo e il resto fosse adibito a studi per artisti. Nessun artista vi ha uno studio, e il cartello dei lavori sulla facciata ha la data di ultimazione coperta da una pecetta.

Annunci

6 Risposte to “Le strade di Firenze – XVI”

  1. Herdakat Says:

    Probabilmente la migliore della serie. Firenze è in questo modo e condannata a quello che si deduce. Bravo, ma che tt’ho dico affà?
    Venerdì sul presto lampre da Aurelio? Fra. aka Herdakat

  2. gianni Says:

    A me un tipo in piazza savonarola mi offrì del fumo mentre ero in pausa e avevo l’esame di letteratura italiana.


  3. @herd: ma anche si. A pranzo, che la sera presento Gli interessi a San Giovanni

    @sesta: eran bei tempi, eh?

  4. Herdakat Says:

    Sìsì, a pranzo. Poi alle 14 lavoro. Sms per conferme e incastri, che nel duemilaotto, fare senza, parrebbe brutto.

  5. costituente Says:

    una volta, se non mi sbaglio, c’era la sede della Fiorentina…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: