Posts Tagged ‘edoardo semmola’

sulla Lettura (+ un’intervista)

Mag 13, 2014

Segnalo la pubblicazione anche in versione online del mio pezzo uscito domenica scorsa sulla Lettura del Corriere della Sera.

Segnalo altresì una bella intervista fattami da Edoardo Semmola per il dorso toscano del medesimo giornale, nella quale abbiamo parlato della nuova collana di narrativa che curo per Tunué.

Annunci

sul Corriere Fiorentino

novembre 2, 2013

Il Corriere Fiorentino, dorso regionale del Corriere della Sera, pubblica un bel pezzo sulla nuova edizione di Personaggi precari, completo di una selezione di testi dal volume. Lo si può leggere qui.

Edoardo Semmola sul Corriere Fiorentino

ottobre 13, 2011

Oggi il Corriere Fiorentino ha pubblicato un estratto dal mio nuovo romanzo, accompagnato da un bella intro-recensione di Edo Semmola, che riporto:

Florence’s burning. Scintille che generano fiamme che degenerano in braci. Scomodare i Clash si può. Come fosse il Joe Strummer di una Firenze da risvegliare dopo una sbronza micidiale, Vanni Santoni mette mano ai fiammiferi. Imbraccia la sua penna elettrica e la allaccia a quell’amplificatore di vita e di vite che si chiama narrazione.
 Brucia, Firenze. Brucia centoquarantasette volte. Tante quante sono le pagine del terzo libro del trentatreenne autore fiorentino, da oggi in libreria. Titolo: Se fossi fuoco, arderei Firenze. Edizioni Laterza, collana «Contromano». Pagine che afferrano Firenze per la collottola e la tirano giù, a raccontarsi come lui la vede: un po’ felina, un po’ meretrice, un po’ mamma anche, perché no, e bella, fatale, sporca, addormentata, sagace.
Un racconto di vite, di storie che vivono il presente con lo sguardo sempre puntato sul passato e — come ogni turista che si rispetti — anche sulla cartina, strada dopo strada. Storie e vite, molte, accavallate, soffocate da un perenne caos, e che si accendono come scintille nell’aria mentre la città gira su se stessa per quell’immensa rotonda senza fine chiamata «viali di circonvallazione». Che, come un girone infernale, ripropone un eterno ritorno di birre, pit-stop programmati sugli scalini dei monumenti, americane con le infradito.
Brucia, la Firenze dei pub al neon, del traffico al veleno, di cartelli stradali che sembrano trappole per orsi, degli incontri casuali che segnano il tempo di letto in letto e finiscono con lo sguardo perso contro soffitti affrescati. Brucia una città che sembra sempre come appena alzata dal letto, occhiaie comprese. E che è «come i sogni» di calviniana memoria, «fatta di desideri e paure». Venerdì 21 ottobre la prima presentazione: appuntamento alla Feltrinelli di via de’ Cerretani, ore 18

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: