Posts Tagged ‘fantastico’

due recensioni dell’Impero del sogno

dicembre 12, 2017

L’impero del sogno è recensito oggi su Sugarpulp da Corrado Ravaioli, mentre Flavio Pintarelli su Esquire parte dal romanzo per un riflessione di ampio spettro sul rapporto tra la nostra generazione, gli immaginarî e il sopraggiungere dell’età adulta.

Annunci

su 404, ”il gruppo degli eroi”

marzo 2, 2016

Comincia la pubblicazione degli interventi presentati al secondo Sublime Simposio del Potere.
Come per la prima edizione, a me è spettato il compito di un pezzo introduttivo: essendo il tema di quest’anno ”i topos del fantastico”, ho scelto il party, ovvero il gruppo degli eroi.

il 2° Sublime Simposio del Potere (e la 2° intervista a Cărtărescu)

gennaio 22, 2016

Segnalo che questo sabato 23 gennaio, alla libreria caffè La Cité (borgo san Frediano, Firenze), si terrà la seconda edizione del ‘Sublime Simposio del Potere‘, titolo semiserio dietro al quale si cela una invece serissima giornata di studî (aperta a interventi) sul fantastico in letteratura e altrove. Qui su 404:FNF si possono leggere i testi frutto degli interventi alla prima edizione, svoltasi lo scorso anno.

Segnalo altresì la pubblicazione, su minima&moralia, di una mia seconda intervista a Mircea Cărtărescu, stavolta come parte dei Discorsi sul metodo.

Il Sublime Simposio del Potere

maggio 22, 2015

Segnalo questa nuova rubrica su 404:FNF, nata da una giornata di studi sul fantastico alla TodoModo. Io ho scritto una piccola intro, su fantasy e transmedialità. Poi l’articolo di D’Isa. Altri seguiranno.

“Adottato” dalla Biblioteca delle Oblate – tre incontri

gennaio 29, 2015

adotta

(riporto il comunicato stampa)

Descrizione: nell’ambito del progetto Adotta uno scrittore, lo scrittore Vanni Santoni, autore adottato dalla Biblioteca delle Oblate di Firenze, presenta un ciclo di tre incontri, a metà tra la presentazione e il seminario, che porteranno ad approfondire nel dettaglio tre diversi aspetti del suo lavoro di scrittore, editor e curatore.

Ogni incontro partirà da un libro dell’autore e si aprirà a temi correlati, con il contributo di un ospite ogni volta diverso, esperto dei temi di ogni incontro.

Finalità: offrire al pubblico (a un target, quindi, a 360°) incontri approfonditi ma di ampia fruibilità su questioni di rilievo nella letteratura italiana contemporanea.

Tempistiche: i giovedì di febbraio, dalle 17:30 alle 19

I tre incontri:

5 febbraio – La rinascita del fantastico
La letteratura fantastica tra mito classico e postmodernismo; il fantasy italiano tra aspirazioni alte e pregiudizi contro il “genere”. Il caso Terra ignota.
Ospite: Edoardo Rialti, studioso di Tolkien e traduttore di fantasy per Mondadori.

12 febbraio – La fucina degli esordienti.
Come funziona l’editoria e come si progetta una collana di narrativa? Scouting, editing, esordi, come arrivare alla pubblicazione. L’esperienza della collana Romanzi di Tunué.
Ospite: Francesca Matteoni, poetessa ed esordiente nella narrativa.

19 febbraio – Raccontare la città.
Dal romanzo Laterza Se fossi fuoco arderei Firenze alla rubrica “Sulla strada” del Corriere Fiorentino. Piccolo seminario sulla narrazione applicata ai luoghi e agli spazi urbani.
Ospite: Gabriele Merlini, autore di Valecky, guida sentimentale alla Mitteleuropa.

un’intervista su Portal of Dreams ~ #TerraIgnota2

novembre 20, 2014

Segnalo che Sergio Vivaldi di Portal of Dreams mi ha fatto un’ampia intervista intorno a Terra ignota 2 – Le figlie del rito.

#TerraIgnota2 su Fantasy Magazine

ottobre 17, 2014

Fantasy Magazine segnala l’uscita delle Figlie del rito, con tanto di estratto.

e insomma, Terra ignota 2

ottobre 15, 2014

1-TI2cover_big

in arrivo nuovi pezzi (e un calendario) su queste Figlie del rito; intanto, la vecchia (buona, vecchia) rassegna stampa.

su Il lettore digitale

novembre 4, 2013

Venerdì mattina, in quel del Lucca Comics & Games, ho fatto un incontro su Terra ignota con alcuni blogger letterari; tra di essi c’era Luca Albani, che ha scritto questo gran pezzo qua.

recensioni + calendario aggiornato

ottobre 24, 2013

Si parla di Terra ignota su Volevo essere Jo March (nonché, se ve lo siete perso, su RAI Letteratura) e di Personaggi precari su Finzioni, addirittura in anticipo sul pezzo; io intanto segnalo il calendario aggiornato per i due libri:

Terra ignota

1 novembre, ore 11:00, Lucca, incontro con i lit blogger, presso la Fiera del fumetto e del gioco di ruolo.

1 novembre, ore 16:00, Lucca, tavola rotonda sulla letteratura fantastica, sempre in Fiera.

3 novembre, ore 11:15, Lucca, presentazione di Terra Ignota presso la mostra medesima.

3 novembre, ore 13:15, ancora Lucca, apposizione firme, dediche e rune apotropaiche presso lo stand Mondadori.

16 novembre, Pisa, presentazione al Pisa Book Festival

23 novembre, Milano, presentazione presso Bookcity.

Personaggi precari

27 ottobre, ore 14:00, Torino, anteprima di Personaggi precari nell’ambito del Labirinti Festival, con Demetrio Paolin.

15 novembre, ore 18:30, Firenze, libreria IBS di via Cerretani, prima nazionale. Introducono Raoul Bruni e Fulvio Paloscia.

16 novembre, Pisa, presentazione al Pisa Book Festival.

23 novembre, Milano, presentazione presso Bookcity.

8 dicembre, Roma, presentazione alla fiera Più libri più liberi, con Christian Raimo e Giorgio Vasta.

Terra ignota su Finzioni e L’ultima riga

ottobre 9, 2013

I sempre ottimi ragazzi di Finzioni, in collaborazione con 20 lines, mi hanno intervistato a proposito di Terra ignota. (il libro è anche segnalato qui).

E sempre oggi è uscita una recensione del medesimo a firma Emanuela Ruggeri.

ANSA su #TerraIgnota

settembre 28, 2013

(Notiziario libri) (di Federico Pucci) (ANSA) – MILANO, 27 SET – A meta’ fra Tolkien e il manga, una fiaba in cui e’ Cappuccetto Rosso ad andare a caccia del lupo cattivo: cosi’ Vanni Santoni definisce ‘Terra Ignota’, il suo primo romanzo fantasy, opera in tre volumi il primo dei quali ‘Risveglio’ (Terra Ignota – 1.Risveglio, Mondadori, pp. 420) e’ ora nelle librerie.
Talento del 1978 con tre romanzi alle spalle (‘Personaggi precari’, 2007; ‘Gli interessi in comune’, 2008; ‘Se fossi fuoco, arderei Firenze’, 2011), Santoni si firma con la sigla HG (tributo a ‘Dissipatio HG’ di Guido Morselli) per avviare un percorso alternativo in un genere che dal ‘Trono di spade’ a ‘Twilight’ sta vivendo una stagione di successi: ”c’e’ molto oltre Tolkien – spiega Santoni all’ANSA – e in Italia abbiamo le nostre fonti”. Le ispirazioni per Santoni sono state infatti le piu’ disparate: dai giochi di ruolo ai modelli letterari ‘alti’ e ‘bassi’, come Virgilio, Ariosto, Calvino e gli eroi giapponesi dei ‘Cavalieri dello Zodiaco’ e ‘Naruto’, passando per lo studio delle religioni di James Frazer e l’esoterismo di Aleister Crowley.
Protagonista di ‘Terra Ignota’ e’ la dodicenne Ailis che, partita dal suo villaggio alla ricerca dell’amica Vevisa rapita da un manipolo di cavalieri, viaggia, cresce e scopre il suo ruolo messianico nella sorellanza delle Figlie del Rito. In un genere letterario spesso dominato dal maschilismo – nota Santoni – Ailis richiama fin dal nome un modello femminile come l’Alice di Carrol, ”la prima e piu’ grande delle eroine fantasy”, ma riprende un filone che dalla Bradamante ariostesca arriva alla Sposa di ‘Kill Bill’: ”se il mondo del fantasy e’ quello piu’ antico – spiega l’autore – allora e’ giusto ridare spazio alle divinita’ femminili che popolavano la terra”. La vicenda si svolge in un continente selvaggio (le Terre Occidentali) la cui capitale e’ misteriosamente disabitata: un topos del fantastico – spiega Santoni – perche’ lettore e protagonista siano ugualmente smarriti, ma anche un riferimento alla Crisopoli del gia’ citato Morselli e alla Terra Desolata di T.S. Eliot. Non a caso l’autore ha preteso che nel libro non fosse inclusa una mappa: ”un cliche’ tolkeniano che allontana dalla dimensione della fiaba”, la motivazione di Santoni. Il mondo di ‘Terra Ignota’ e’ ancestrale, lontano dall’ideologia: ”spesso il fantasy e’ stato manipolato da destra perche’ parla di un passato magico – precisa l’autore – ma non c’e’ spazio per le ideologie moderne in un mondo davvero archetipico”. Piu’ che i contenuti politici, sono quelli letterari, iconografici e cinematografici ad affollare ‘Terra Ignota’, dalle ‘Citta’ Invisibili’ di Italo Calvino al ‘Conan’ di John Milius, dalla pittura Preraffaellita ad ‘Excalibur’ di John Boorman: ”nomi, luoghi e situazioni di ‘Terra Ignota’ richiamano precisi elementi culturali – spiega Santoni – perche’ il mondo narrato sara’ anche ancestrale, ma noi lettori no”. E dopo la trilogia l’autore pensa gia’ a un prequel, un romanzo ‘urban fantasy’ ”sullo stile di Neil Gaiman”, dice Santoni, che spieghi come mai nelle Terre Occidentali tutto ci ricorda misteriosamente il mondo di oggi.(ANSA).
YUO 27-SET-13 18:38 NNNN

ci siamo

settembre 23, 2013

ti

…domani, martedì 24 settembre, la prima nazionale, alla Feltrinelli di Firenze. Introducono Chiara Dino (Corriere Fiorentino), Francesco Gungui (editor Mondadori) e Vincenzo Marasco (sociologo e editor).

Qui l’anteprima del Corriere Fiorentino. E intanto ai blogger non puoi tener nascosto nulla…

Circa l’HG, il perché (anche) il fantasy, e tutto il resto, vedi il post precedente… Seguiranno fior di testi ulteriori in merito.

(e per te, letterato che odi le spadate in testa e anche quelle nel ventre, c’è una sorpresa in forno)

sulla Lettura

agosto 13, 2013

Il mio pezzo sulla letteratura fantastica italiana, uscito domenica 11 agosto su La Lettura del Corriere della Sera è ora disponibile anche online.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: