Posts Tagged ‘free tekno’

ANSA su Muro di casse

maggio 17, 2015

Segnalo questo bel pezzo ANSA su Muro di casse, a firma Federico Pucci.

Segnalo altresì questa menzione della collana Solaris che lo contiene su Tellus Folio, dove si parla anche dell’Età della febbre, facendo riferimento a questo interessante pezzo di Cristiano De Majo sulle antologie letterarie italiane.

Annunci

L’incipit di Muro di casse su minima&moralia

maggio 16, 2015

Minima&moralia pubblica oggi l’incipit di Muro di casse.

Muro di casse su Le parole e le cose

maggio 16, 2015

Le parole e le cose pubblica oggi un estratto da Muro di casse.

Muro di casse su Nazione Indiana

maggio 14, 2015

Nazione Indiana pubblica oggi un estratto dalla prima parte di Muro di casse.

un estratto, un video, due recensioni

maggio 12, 2015

Un estratto dall’inizio della seconda parte di Muro di casse sul Corriere Fiorentino.

Una recensione di Andrea ‘Pennywise’ Sirna per Un antidoto contro la solitudine e una di Rossella Lo Faro per Retablo di parole.

Un servizio di Alessandro Forni per Valdarno Channel.

la ‘prima’ del Muro

maggio 7, 2015

Domani alla Feltrinelli RED (e non a quella di via Cerretani come precedentemente annunciato – causa lavori) ore 18:30, con David Allegranti e Fulvio Paloscia: prima nazionale di Muro di casse. Seguirà calendario con date in tutta Italia e oltre.

Evento FB.

Pagina libro.

Muro di casse è un romanzo ibrido, che include parti di saggio e reportage per raccontare, con tre storie concatenate tra loro, quello che è stato il mondo della free tekno e della cultura rave dai primi anni ’90 a oggi, a livello controculturale, musicale, sociale, politico e anche spirituale, ma soprattutto come parte rilevante della vita di tanti giovani e meno giovani per un quarto di secolo, tra momenti d’oro e disfatte, conquiste e repressioni, sogni utopici e fini annunciate.

QUARTA DI COPERTINA
Perché sognare un quarto d’ora di celebrità se potevi prenderti dieci o venti ore al centro dell’universo? E la bellezza. Potevamo creare ovunque la bellezza: in ogni angolaccio, sotto a ogni cavalcavia, poteva sgorgare una fonte di meraviglia. Ogni periferia, ogni cittadina di provincia senza più guizzi poteva tornare a splendere e ribollire per una notte. E non parlo solo dei posti dove andavamo: il fatto che andassimo in alcuni faceva sì che tutti, in potenza, custodissero la bellezza. Quindi, la speranza.

BANDELLA DI PRIMA
Cosa è stata questa ‘cosa’ sfuggente, multiforme ed entusiasmante avvenuta in Europa tra il 1989 e oggi – una cosa lunga dunque un quarto di secolo? Proprio dalla consapevolezza che nessun dato potrà mai avvicinarsi al significato profondo del rave, del trovarsi lì, a ballare davanti a un muro di casse fino al mattino (e sovente fino a quello ancora successivo) in quelle industrie abbandonate, in quei capannoni, in quei boschi, in quelle ex basi militari, fiere del tessile, ballatoi, vetrerie, depositi ferroviari, rifugi montani, bunker, uffici smessi, pratoni, centrali elettriche, campi, cave, rovine di cascinali, finanche strade di metropoli quando venne il momento della rivendicazione, è nato questo libro – perché, sia pure con una forte impronta documentale, in casi come questo il romanzo è il più potente strumento di analisi e rappresentazione della realtà.

Muro di casse

maggio 6, 2015

Sta arrivando. Presto calendario e stampa. Intanto, la direttrice editoriale di Laterza Anna Gialluca racconta la nuova collana Solaris di cui il romanzo farà parte.

cover_MDC_small

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: