Posts Tagged ‘speer’

Bar Speer – X

aprile 24, 2008

Heydrich: “Che s’ha a andare?”
Himmler: “Aspetta, non siamo mica tutti…”
Goebbels: “Come no. Noi tre, e di là ci sono Monociglio e il panzone.”
Speer: “E io, vu lo sapete, ‘un vengo.”
Himmler: “Eppure…”
Goebbels: “Eppure una sega. Via su, gnàmo.”
Himmler: “Boh… Comunque a me queste sagre di prodotti tipici m’hanno bell’e nauseato.”
Hess [entra dall’altra stanza e molla un nocchino a Himmler]: “Vamos giovani!”
Himmler: “Non farlo mai più.”
Hess: “Uh che faccia cattiva!”
Himmler: “Mai più.”

[ X – continua ]

Annunci

Bar Speer – IX

aprile 13, 2008

Hess [entra di corsa]: “Brutte merde! Chi mi ha tagliato le gomme della macchina?”
Himmler: “E te prendi l’aereo, no?”
Hess [si blocca sulla soglia, come in trance]: “Scusa?
Himmler: “No… Nulla… Che ho detto, poi? Boh… Oh, Albert, facci due limoncelli, su…”
Speer: “Prrronti i limoncelli!”
Himmler: “Ah ecco! Dicevo… Son stati di sicuro quelli dei Portici. Garantito.”

[ IX -continua ]

Bar Speer – VIII

aprile 6, 2008

Himmler [posa il Negroni]: “Mi sento poco bene…”
Hess: “Anch’io… Come… Boh… Un dejàvist… Ma… Chi era quella?”
Himmler: “Dejavu. E comunque non è per quello. Boh, mi avrà fatto male il coniglio con l’ulive, son sempre stato debole di stomaco…”
Göring: “Un grappino e ti ripigli!”
Hess: “Anch’io il grappino!”
Speer: “Finalmente avete preso a capìcci qualcosa… Sempre a bere quegli intrugli di Negroni! Sono loro che vi fanno male.”

[ VIII – continua ]

Bar Speer – VII

aprile 1, 2008

[si intravede una sagoma dietro la porta a vetri]
Göring: “Chi sarà? Eppure siamo tutti…”
Himmler: “Sarà uno che passa a comprare le sigarette…”
Goebbels: “…o le tue amiche, eh Gora?”
Göring: “No, loro stasera andavano a ballare.”
[si apre la porta]
Eva Braun: “Buonasera.”
[silenzio]
Eva Braun: “Un caffè macchiato, per favore.”
Speer: “Ecco.

[ VII – continua ]

Bar Speer – VI

marzo 20, 2008

Heydrich: “Hai visto? Ieri sono venute quelle due amiche del panzone… Che vorranno?”
Himmler: “Saranno venute per salutarlo.”
Goebbels: “Duri, voi due, eh! O’ cosa ci faranno du’ donne, anche discrete, in questo bar di raccattati..? A una gli garba qualcuno di noi, è ovvio!”
Speer: “Bar di raccattati sarà casa tua, segalitico!”
Göring [entrando]: “Ciao ragaz, che si dice?”
Heydrich: “Nulla!”
Goebbels: “Si guardava le stuccature nuove che Speer ha fatto al soffitto.”
Speer: “Tò! Hai visto che lavorino pulito..?”

[ VI – continua ]

Bar Speer – IV

marzo 8, 2008

Hess: “Grande Jo’, ha portato il pallone!”
Goebbels: “E che pallone, caro mio: il vecchio Tango. Originale!”
Hess: “Non ci credo! Dà qua!” [Lascia partire una pallonata. Il Tango rimbalza sul muro e va a cogliere le bottiglie di vinsanto esposte sull’angolo destro del bancone, fracassandole]
Speer: “Dà qua te!” [Afferra il pallone e lo pugnala con un lungo coltello]
Goebbels: “Maremma bona! O’ che c’entro io, scusa?” [si volge verso Hess] “Ora tu me lo ripaghi.”
Hess: “Oohh… Tranquillo… Quanto costerà, diec’euro? Tò!”
Speer: “Prima del pallone, paghi le bottiglie, fava. Non c’hai mica più trediciànni.”
Goebbels: “Comunque non c’era bisogno di bucarlo.”
Himmler: “Ha fatto ma bene!”
Goebbels: “Ma te, i cazzi tua, mai?”

[ IV – continua ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: